ChiamaPrenota
Visualizza telefono

Borghi del Trasimeno

Home » Borghi del Trasimeno
17 - Set - 2019

Lago Trasimeno: cosa vedere

 Il lago Trasimeno è una meraviglia impossibile da dimenticare. Con i suoi mille colori sfumati, questo spettacolo naturale si imprime nella memoria lasciando emozioni indelebili. A rendere ancora più magica la sua atmosfera sono i numerosi borghi sulle sue rive. Questi centri ricchi di arte e cultura sono un’ottima opportunità per visitare chiese medievali e splendidi palazzi rinascimentali, ma anche per praticare escursioni, trekking e passeggiate lungolago. Da alcune di queste località, inoltre, è possibile raggiungere i castelli e le isole del Trasimeno. Insomma, questi borghi lacustri rientrano di diritto tra i migliori motivi per andare in vacanza in Umbria. Scopriamo i più bei gioielli sul lago Trasimeno da vedere assolutamente.

CASTIGLIONE DEL LAGO

Questo borgo cinquecentesco sorge su un promontorio affacciato sul lago ed è famoso per il suo mix di arte, natura e gastronomia Ai confini fra Umbria e Toscana caratterizzato da secoli di storia, Castiglione protegge il Trasimeno mentre riflette il suo profilo nelle acque del lago. La sua posizione strategica consente di raggiungere località pittoresche come l’Isola Polvese, la più grande delle tre isole del lago Trasimeno. Il luogo più importante della città è senz’altro il Palazzo della Corgna. Inizialmente nato come villa, fu poi trasformato nel palazzo di corte della dinastia. Oggi è sede di importanti attività culturali, ma soprattutto ospita un articolato percorso museale, che illustra le vicende dei Corgna. Collegata a Palazzo della Corgna, è la Rocca del Leone; fortificazione militare, edificata a partire dalla seconda metà del XII secolo sui resti di un’acropoli etrusca. La Rocca a pianta pentagonale venne modificata da Federico di Svevia e domina l’intero perimetro del Lago Trasimeno ed i suoi meravigliosi paesaggi. All’interno delle mura del castello è allestito un suggestivo anfiteatro ove si alternano spettacoli d’arte per l’intero periodo estivo.

CITTÀ DELLA PIEVE

Città della Pieve, adagiata su un colle a 508 metri s.l.m., domina la Valdichiana e il Lago Trasimeno. Questo borgo ricco di arte presenta un’armonica combinazione di elementi umbri, toscani e laziali che contribuiscono al suo fascino unico. Il paesaggio di grande suggestione pittorica ha ispirato il nativo Pietro Vannucci detto “Il Perugino”, il quale vi ha lasciato numerose opere a cominciare dalla celebre “Adorazione dei Magi” situata all’interno dell’Oratorio di Santa Maria dei Bianchi. Il pittore è sepolto a Fontignano, un piccolo centro a breve distanza da Città della Pieve. Il centro storico evidenzia una struttura urbana della prima metà del sec. XIII di forte influsso senese con l’inserimento di numerose testimonianze successive di gusto romano dal Rinascimento al Neoclassico. Il 21 e 22 giugno ha luogo un evento profumatissimo, l’Infiorata di San Luigi Gonzaga: una festa di colori che porta un tocco di allegria nel borgo, rinnovando così una tradizione che risale al Medioevo.

MAGIONE

Magione, antichi borghi tra indimenticabili tramonti.

La costa orientale del Trasimeno è costituita da borghi ricchi di fascino e storia, dove è possibile ammirare tramonti sul lago unici per la loro spettacolarità: San Savino, con il castello e la torre triangolare di epoca medievale; San Feliciano, grazioso ed autentico villaggio di pescatori dove è possibile fare romantiche passeggiate lungolago e inebriarsi dei paesaggi meravigliosi che questa zona offre; Monte Colognola, borgo trecentesco con vista unica sulla costa; Monte del Lago, gioiello architettonico a strapiombo sul lago; Agello con il suo splendido fortilizio dell’XI secolo.

Qui si trova anche l’antica Torre dei Lambardi, fortilizio eretto a cavallo dei secoli XII e XIII dai Cavalieri Gerosolimitani, che sorge in posizione elevata sul paese con un magnifico panorama sulle campagne circostanti. Di pianta quadrangolare, alta 30 metri, è stata recentemente restaurata ed è oggi sede d’importanti esposizioni d’arte contemporanea.

Il capoluogo ospita il Castello dei Cavalieri di Malta, edificato nel XII secolo come ospedale fortificato: perfettamente conservato, visitabile solo su prenotazione.

Splendido il cortile interno che nel mese di luglio ospita il “Trasimeno Music Festival”, rassegna internazionale di musica classica. Magione ospita l’Autodromo dell’Umbria ed è quindi meta preferita dagli amanti dei motori, oltre che dagli sportivi in generale: è possibile praticare trekking in collina, quad tra i boschi, windsurf sul lago e kite lungo le spiagge.

PANICALE

Terrazza naturale sul Lago Trasimeno, Panicale conserva l’identità di Castello medievale, dalla struttura arroccata sul Monte Petrarvella. La presenza delle tre Piazze disposte su tre diversi livelli, lo caratterizza nella sua pianta tutta costruita su ellissi concentriche.

Nella Piazza Umberto I spicca la quattrocentesca cisterna e l’imponente Collegiata di San Michele. Mentre il trecentesco Palazzo del Podestà (sede dell’Archivio Storico e notarile) è posto sul punto più panoramico del centro, nella Piazza Masolino, con un panorama mozzafiato.

Panicale è uno dei borghi più belli d’Italia grazie all’importante patrimonio culturale e paesaggistico e alle numerose manifestazioni (stagione teatrale, festival musicali, sagre, corsi di ricamo).

Il Rinascimento ha lasciato impronte notevoli: Perugino, Raffaello e G.Battista Caporali per citare i maggiori maestri. Il vicino Santuario di Mongiovino è poi considerato uno dei più importanti esempi di arte manierista italiana. Nei dintorni di Panicale spicca la deliziosa frazione di Tavernelle con il Santuario di Mongiovino, una meraviglia ricca di opere d’arte.

PASSIGNANO SUL TRASIMENO

Antico borgo di pescatori incastonato tra l’azzurro delle acque del Trasimeno e il verde delle colline circostanti, Passignano sul Trasimeno è un autentico gioiello.

La sua posizione lo rende passaggio quasi obbligato tra l’Umbria e la Toscana; da qui il suo nome originario Passus Jani (Passo di Giano) mitico dio delle porte. Il territorio circostante offre la possibilità di praticare trekking, equitazione e biking.

La Chiesa monumentale Madonna dell’Oliveto situata nella parte ovest del paese, fu costruita sul finire del sec.XVI.

Passignano possiede anche una Rocca di probabile origine longobarda, risalente al V-VI secolo che, con il suo panorama mozzafiato, è aperta al pubblico e adibita a mostre, concerti, teatro ecc. Presso la Rocca si trova il Museo delle Barche.

Situato in collina a settentrione, la frazione di Castel Rigone è una di quelle rare e felici combinazioni naturali che la rendono particolarmente adatta al turismo ambientale e culturale. Il Santuario di Maria SS. dei Miracoli, capolavoro del Rinascimento Umbro, ne è un mirabile esempio. Dalla sommità si può godere di una vista meravigliosa, mentre l’interno custodisce mostre d’arte. Nel territorio circostante si può praticare trekking, equitazione e biking.

TUORO SUL TRASIMENO

Tuoro è situato sul lato Nord del Trasimeno a cavallo tra Umbria e Toscana. Sebbene l’impianto del borgo sia medievale, in epoca più antica si combatté la celebre Battaglia del Trasimeno, che vide contrapporsi i Romani e i Cartaginesi guidati da Annibale, con la vittoria di questi ultimi. Nel territorio comunale sono stati creati 4 percorsi itineranti tematici che abbracciano la storia e l’arte del Comune.

Primo tra tutti il Percorso Storico-Archeologico della Battaglia del Trasimeno che attraversa le campagne che furono teatro dello scontro tra Romani e Cartaginesi. Esso è composto da 12 aree di sosta dove sono stati realizzati degli allestimenti con pannelli illustrati e didascalie, in 4 lingue, che raccontano lo svolgimento della battaglia.

Il secondo è un percorso naturalistico che attraverso gli splendidi boschi solcati dal Torrente “Rio” conduce alla Torre di Vernazzano che si presenta agli occhi del visitatore con la sua vertiginosa pendenza.

“Campo del Sole” è il terzo percorso ed è un’architettura di 27 colonne scolpite in pietra serena allestite in un parco monumentale sulle rive del Trasimeno.

Il quarto percorso verte sull’isola Maggiore  e rappresenta un viaggio tra la storia francescana e rinascimentale della piccola isola lacustre, senza tralasciare l´importante presenza dell´arte del Merletto a Punto d´Irlanda. Esso comprende inoltre importanti monumenti dell´isola come la splendida chiesa affrescata di S. Michele Arcangelo, il Centro di documentazione sull´Isola Maggiore e il Museo del Merletto.

Molto pittoresco è il Lido di Tuoro, dove è possibile passeggiare sul lungolago e ammirare lo splendido panorama del Trasimeno, che regala intense emozioni soprattutto all’alba e al tramonto.

 

ISOLA MAGGIORE

Se volete fare un’escursione a contatto con la natura, lontano dal caos urbano, non potete perdere l’occasione di visitare l’Isola Maggiore, una delle 3 isole naturali del Lago Trasimeno. Questo luogo che si presenta come un piccolo villaggio di pescatori vi affascinerà. Appena 15 abitanti, una superficie di 24 ettari e 2 km di perimetro con alcuni scorci che regalano grandi emozioni.

L’Isola Maggiore fa parte del comune di Tuoro sul Trasimeno.

Dell’Isola troviamo le prime notizie nel 817, quanto l’Imperatore Ludovico il Pio cedette al Papa Pasquale I la città di Perugia e il Lago Trasimeno con le 3 isole. Il luogo è conosciuto per aver ospitato il Santo di Assisi.

Qui infatti San Francesco nel 1211 si ritirò per la quaresima e proprio in suo onore nell’Isola Maggiore è possibile ripercorrere alcuni luoghi di San Francesco.

Furono costruiti successivamente un convento ed una Chiesa dedicati a San Francesco nel 1328. L’isola passò sotto Castiglione del Lago ad inizio del 1800 e poi di nuovo per volere degli isolani fu inserito nel territorio di Tuoro sul Trasimeno.

Non lasciarti ingannare dal nome, non è questa l’Isola più grande del Trasimeno (la più estesa è la selvaggia isola Polvese, oggi privata) ma semplicemente è più grande dell’altra isola chiamata Minore (proprietà privata anch’essa).

Appena arrivati nell’Isola troverete l’ufficio del turismo che accoglie i visitatori anche con una bella spiegazione del luogo. E’ possibile con un biglietto dal costo contenuto vedere i seguenti luoghi:

Il Museo del Merletto che ospita vere e proprie opere d’arte, merletti finissimi, abiti da sposa e da Battesimo;

La Casa del Capitano;

La Chiesa di San Michele Arcangelo.

L’isola non è grandissima e si gira tranquillamente a piedi. Sono diversi i sentieri che permettono di ammirare ogni angolo della stessa. Il centro abitato si trova nella zona occidentale e parte da Via Guglielmi.​

Ci sono poi tanti sentieri che permettono di scoprire ogni angolo dell’isola e di immergersi nella natura tra ulivi, lecci, pini, cipressi, pioppi e dei bellissimi fagiani. Purtroppo in alcuni tratti non è possibile andare con il passeggino quindi se avete bimbi piccolini è consigliabile il marsupio o lo zaino. Per i bambini c’è anche uno spazio verde con alcuni giochi e soprattutto tantissime galline faraone.

Oltre alla possibilità di un picnic nell’Isola ci sono diversi ristorantini che oltre a interessanti menù offrono agli ospiti una vista lago superba.

E’ possibile anche fermarsi in riva al lago e degustare un gelato o un panino.

Per raggiungere l’Isola potete prendere il traghetto a Tuoro Navaccia (il porto più vicino all’isola e quindi il prezzo del traghetto è più da qui) e in poco più di 10 minuti giungerete a destinazione.

Le altre due località dalle quali potete prendere il traghetto sono Passignano e Castiglione del Lago (15 min circa).

Categories: Luoghi da visitare
Tags: 

Comments are closed.

Booking Online Miglior prezzo garantito, davvero!