ChiamaPrenota
Visualizza telefono

Foligno

Home » Foligno
17 - Set - 2019

Cosa vedere a Foligno

Foligno è uno dei borghi più caratteristici di questa bellissima regione. Qui il Medioevo ha davvero lasciato delle tracce indelebili perché, ad ogni angolo di strada, potrai trovare le vive testimonianze del suo ricco passato.

Situata a metà strada tra le più note Perugia e Assisi, Foligno è un’ottima meta da scoprire anche per chi ha poco tempo a disposizione! A differenza della maggior parte dei comuni umbri, Foligno è situata in zona pianeggiante, caratteristica che rende la città molto piacevole da visitare in bici o a piedi.

Passeggiate allora nel centro storico, piccolo ma suggestivo e ricco di tesori, seguendo i nostri consigli.

Se vuoi visitare Foligno devi sapere che, per tradizione, questa città viene considerata il “centro del mondo” perché semplicemente Foligno si trova al centro della penisola italiana, a lungo considerata il centro d’Europa, e quindi del mondo.

Anche qui non mancano straordinari monumenti: dal Duomo di San Feliciano a Palazzo Trinci, dal Museo capitolare Diocesano alla Giostra della Quintana. Ecco a voi una breve descrizione delle principali attrazioni turistiche:

1) Duomo di San Feliciano

La cattedrale di Foligno è molto più antica di quello che sembra. La struttura che potete osservare adesso risale al 1133 ma sorge su un edificio più antico, costruito tra il IX e il X secolo d.C.

Come potrete osservare, essa ha un aspetto davvero caratteristico perché ha due facciate.

La facciata principale risale al periodo medievale, ma dopo qualche decennio la chiesa venne allargata rispetto alle dimensioni precedenti. A seguito di questo ampliamento fu possibile realizzare una seconda e più grandiosa facciata laterale che, ancora oggi, sorge su piazza della Repubblica.

Sulla facciata laterale troverai le decorazioni più interessanti. Oltre al bel portale in stile romanico, sulla facciata ci sono alcuni bassorilievi in stile classico che raffigurano Federico Barbarossa, il vescovo Anselmo e i simboli degli evangelisti.

Secondo i documenti dell’epoca, il Duomo di San Feliciano è stato costruito nel luogo in cui il santo fu martirizzato nel 251 d.C. La leggenda vuole che Feliciano sia stato l’evangelizzatore della città, e per questo prima torturato e poi attaccato ad una biga al galoppo fino alla sua morte.

2) Palazzo Trinci

 Dopo aver osservato la bellissima facciata medievale della Cattedrale di Foligno noterai sicuramente che, su piazza della Repubblica, si trova un altro importante edificio.

Si tratta del famoso Palazzo Trinci ed è un’altra delle cose da vedere a FolignoL’entrata di Palazzo Trinci si affaccia proprio su Piazza della Repubblica, al lato del palazzo comunale e accanto alla facciata secondaria della cattedrale.

Si tratta di un’architettura dell’inizio del ‘400 in stile tardo gotico.

Oltre alla bellissima architettura, Palazzo Trinci conserva ancora la sua originale decorazione pittorica tardo medievale. Il palazzo fu infatti decorato da Gentile da Fabriano e le collezioni si dividono tra l’area archeologica e la pinacoteca.

Nella prima parte della visita troverai interessanti reperti provenienti da tutta la zona di Colfiorito, come lapidi con iscrizioni in umbro e statuette antichissime.

Al primo e secondo piano è invece conservata la pinacoteca di Palazzo Trinci, con dei meravigliosi affreschi di varie chiese della zona e conservati qui.

Dalla Domus romana con mosaici alla scala di raccordo tra un palazzo e l’altro, dagli affreschi al passetto che univa il palazzo alla cattedrale, Palazzo Trinci è tutto da scoprire.

La sala delle arti liberali e dei pianeti ti lascerà letteralmente a bocca aperta. Poi c’è il ponte sospeso, la sala dei giganti e la cappella di Ottaviano La bellezza delle decorazioni di questo palazzo ti farà venire voglia di restare qui per sempre.

Insomma, tra le cose da vedere a Foligno non puoi assolutamente mancare l’appuntamento con Palazzo Trinci.

3) Museo Capitolare Diocesano

 Il Museo Capitolare Diocesano si trova in piazza della Repubblica, antica platea magna e cuore pulsante della città di Foligno. Annesso al Duomo di San Feliciano, si inserisce a ridosso del transetto e della navata sinistra, nel Palazzo delle Canoniche che nel 1746 fu radicalmente trasformato. Con il restauro del 1923-26 il palazzo è stato riportato alla forma originaria. Allestito dal 2008 al secondo piano del palazzo delle Canoniche, attualmente conserva circa cinquanta opere provenienti dalla cattedrale e da località della Diocesi. La visita del museo comprende anche la Cripta di San Feliciano, recentemente restaurata. Il percorso del museo è introdotto da una scultura lignea rappresentante il patrono San Feliciano. Il museo espone opere come due ritratti della bottega di Gian Lorenzo Bernini e una copia della Madonna di Foligno di Raffaello. Numerose sono le opere provenienti dal duomo, da chiese cittadine e alcune sculture medievali del territorio. Completano la collezione croci processionali in argento e rame dorato (XIV-XVI secolo), suppellettili liturgiche e numerosi reliquiari già custoditi nella cripta della cattedrale.

4) Giostra della Quintana di Foligno

 Tra le cose da vedere a Foligno c’è anche un evento bellissimo che ogni anno attrae migliaia di turisti da tutta Italia. La città è infatti rinomata per la famosa “Giostra della Quintana”, una rievocazione storica molto suggestiva che ricorda il passato medievale della città. Essa si svolge a giugno e settembre ed è una manifestazione che ricorda il glorioso passato di Foligno dove i rappresentanti dei dieci rioni della città si sfidano in un torneo cavalleresco seicentesco.

I primi documenti storici che testimoniano la presenza di giochi equestri a Foligno risalgono al 1448. Il torneo in questione consiste in una scultura in legno denominata Quintana che raffigura un guerriero che regge anelli di dimensione decrescenti che devono essere infilati dai cavalieri lanciati al galoppo.

La sera che precede la giostrasfila un corteo di circa 1000 figuranti in costume del Seicento attraversa il centro storico di Foligno.

Cosa mangiare a Foligno

Nella tradizione fulignate non ci sono piatti particolarmente diversi dalla cucina di Perugia e Assisi, fatta eccezione per gli spaghetti col rancetto e la fojata.

1) Spaghetti col rancetto

Gli spaghetti col rancetto (spesso e volentieri sostituiti dagli umbricelli) è un piatto popolare alla base della cucina umbra, originario di Foligno e delle campagne circostanti.

Un piatto semplice e sostanzioso, a base di pancetta, pomodori e maggiorana che conferisce alla pasta un profumo e un sapore singolari. Il nome “rancetto” deriva dal leggero sapore di rancido che deve avere la pancetta utilizzata per la preparazione di questo piatto, molto spesso sostituita dal guanciale a causa dell’ovvia associazione con l’amatriciana, molto simile negli ingredienti e nella preparazione.

Come gli altri cibi caratteristici della zona, poco influenzata dalle regioni vicine, si basa su ingredienti semplici e sui prodotti della terra. E’ un piatto essenziale, che esalta nella sua preparazione i sapori delle materie prime. Tipica in Umbria è ad esempio la lavorazione del maiale e la produzione di salumi, come per la pancetta utilizzata per la realizzazione del piatto, in particolare della zona di Norcia.

Gli altri ingredienti “nobili”, come il pomodoro, l’olio extravergine d’oliva e la cipolla, ricorrono spesso nella cucina tipica della regione e sono coltivati e prodotti nel pieno rispetto di una terra quasi incontaminata.

2) La Fojata

Fojata, rocciata, biscio: tre nomi per indicare una specialità della cucina umbra dalle origini lontanissime. È una torta salata arrotolata su se stessa, formata da un sottilissimo involucro di pasta che avvolge una semplice ma saporita farcitura di bietole, spinaci, cicoria e altre verdure a foglia sia dolci che amare, pecorino grattugiato e uova battute.

Consumata generalmente come antipasto o come cibo da strada per snack veloci, si trova in quasi tutte le gastronomie, panetterie e pizzetterie della regione. Molti preferiscono accompagnarla alla carne alla brace o ai prelibati salumi locali, come il salame di cinghiale o di cervo e il lardo di Norcia. Per gustarla appieno deve essere tiepida o fredda, quando le verdure hanno raggiunto la giusta corposità.

Profondamente radicata nella storia del “cuore verde dell’Italia”, è diffusa in varie zone della regione, con qualche differenza negli ingredienti e con appellativi diversi: “fojata” – un termine che deriva probabilmente dalle “foglie” utilizzate per il ripieno.

La sfoglia, senza uova né lievito, è impastata soltanto con farina, acqua, olio d’oliva e un pizzico di sale, lasciando che le verdure siano le assolute protagoniste della golosa torta.

Come arrivare a Foligno

In auto

  • Autostrada del Sole A1: uscita Valdichiana, superstrada E45, uscita di Foligno
  • Da sud: autostrada del Sole A1, uscita di Orte, seguire la superstrada di Orte – Spoleto – Foligno, uscita di Foligno
  • Da Ancona: autostrada Adriatica A14, uscita Civitanova Marche, proseguire in direzione Foligno lungo la S.S.77

Tempi medi di percorrenza:

Ancona – Foligno: 1h 54m – 130 km

Firenze – Foligno: 2h 05m – 187 km

Roma – Foligno: 2h 10m – 170 km

Napoli – Foligno: 3h 42m – 358 km

Milano – Foligno: 4h 55m – 488 km

In treno

  • Da Nord: Linea Firenze – Roma – Fermata di Foligno
  • Da sud: Linea Roma-Orte – Firenze – Fermata di Foligno
  • Dall’Adriatico: Linea Ancona – Foligno – Fermata di Foligno

Tempi medi di percorrenza:

Ancona – Foligno: 1h 40m – 2h 00m

Firenze – Foligno: 2h 20m – 2h 40m

Roma – Foligno: 1h 40m – 2h 00m

Napoli – Foligno: 3h 50m – 4h 00m

Milano – Foligno: 5h 50m – 6h 00m

 Come muoversi a Foligno

Foligno città può essere visitata a piedi o con l’ausilio di navette il cui costo è davvero esiguo (corsa semplice € 0.40; giornaliero € 0.70). Qualora, invece, vogliate spostarvi nelle città vicine e non disponiate di un mezzo proprio potrete avvalervi del servizio di trasporto urbano ed extraurbano effettuato dagli autobus oppure pensare di noleggiare un’auto. In quest’ultimo caso potrete rivolgervi a: Sixt autonoleggio, Avis autonoleggio, Autonoleggi Falcinelli Monia.

Categories: Luoghi da visitare
Tags: 

Comments are closed.

Booking Online Miglior prezzo garantito, davvero!